martedì 19 gennaio 2016

Potere


Sembra esserci nell’uomo,
come negli uccelli,
un bisogno di migrazione,
una vitale necessità
di sentirsi altrove.
(Marguerite Yourcenar)



Il potere è un argomento molto complesso, delicato, "potente". Quando siamo bambini siamo fondamentalmente impotenti ma forse ne abbiamo meno consapevolezza. Quando cresciamo acquisiamo un po' di potere, ma ci rendiamo conto che siamo in balia di forze molto più grandi... Ne diventiamo consapevoli. Capita che si voglia più potere. Forse tutti in fondo vogliamo più potere. Per altri può avere effetti patologici, rendendoli incapaci di affrontare certe situazioni perché vogliono sempre più potere e quello che hanno non gli basta. Temono di non averne abbastanza rispetto a certe situazioni. Si sentono, così, invalidati. Il loro valore personale ne soffre. Si va alla ricerca di più potere e si può cominciare da giovanissimi. La nostra mente e le nostre conoscenze ci conducono al sentiero che ci pare più percorribile per ottenerlo, per darci l'illusione di avere più potere. Politica, manifestazioni, acquisti consapevoli, forza fisica, arti marziali, sport in generale ogni cosa può essere vista come il mezzo per acquisire un maggiore senso di potere. Il problema è che non è possibile. Si rimarrà sempre impotenti di fronte molte situazioni nella vita. Ci sarà sempre del dolore ad attenderci, oltre alla gioia. Questo può risultare insopportabile, ma la vita è fatta così. Imparare ad accettare che siamo impotenti riguardo alcune cose è molto difficile, perché quelle cose spesso sono molto importanti per noi. D'altronde, la vita non è fatta solo di potere e di controllo, ma di ben altro. La capacità di lasciar andare un po' le cose, smettere di voler controllare tutto ed accettare la vita così com'è credo sarebbe molto utile. Sicuramente è più facile a dirsi che a farsi, ma almeno abbiamo idea di cosa fare. L'idea di un potere tale da permetterci di non soffrire più, di non sentirci più deboli è irrealistica, ma se per assurdo si avverasse non sarebbe comunque fonte di felicità perché non ci sarebbero più sfide, ne occasioni per essere coraggiosi, ne per ascoltare il proprio cuore. La vita diventerebbe molto noiosa. Sicuramente all'inizio tutto sarebbe bello, ma esauriti i desideri non ne avremmo altri... In fondo il motore del desiderio è la mancanza della cosa desiderata.

Nessun commento:

banner etico