martedì 24 febbraio 2009

Come sto?

In questo preciso momento mi sento come un echimese che improvvisamente (grazie a strane magie spazio dimensionali) si ritrova nel centro di New York, senza gps, cellulari, soldi o una semplice cartina stradale, e senza aver mai studiato l'inglese ne nessun'altra lingua a parte la mia d'origine.
Troverò il parente che anni prima si è trasferito in America ma non so dove?

Nessun commento:

banner etico