domenica 14 ottobre 2007

Guardando la mia mente

I labirinti della mia mente sono tortuosi e pieni di trappolie, per uscirne si deve volare verso l'alto.
Sono grigi e fatti di pietre laviche scure e nerastre. Dentro si può trovare qualche luce, ma spesso se ne rimane intrappolati. Ora ho delle ali per fuggire verso l'alto. Verso quel cielo libero con qualche nuvola bianca che a sprazzi sembra colorare la volta celeste. Mi trovo in questo sogno, che nasce da un incubo. Volo veloce, per poi riscendere a terra e correre di nuovo. Corro verso qualcosa che non posso vedere che non ho mai visto ed eppur conosco. Nella corsa tra dei fossi rischio di inciampare, e poi ci sono delle porte che mi possono ingannare, dicendo di condurre verso verità e invece ti precipitano nel labirinto. Almeno conosco i modi per uscirne, e so anche volare, un pò di pazienza e raggiungerò ciò che già ho ma che non vedo.

9 commenti:

info ha detto...

Fa cagare sto disturbo amico......e' un vero schifo di vita.......pensa che ho il cervelo talmente intasato di merda che non riesco a stare mai lucido......ieri dopo un tavor e un entect sono riuscito a stare quasi bene.
Ma credo che l'unica cosa sia sempre non pensare......me lo dicono tutti.....anche se per gente ome noi e' paticamente impossibile........ti voglio bene fratello di una brutta strada che dovremo percorrere insieme......

info ha detto...

Comunque sono stato anhe da un prete che mi ha detto che Gesù perdona tutti i nostri peccati se chiediamo scusa a lui e quindi di non stare li a farsi sensi di colpa inutili....e' un parroco che ha studiato psicologia e mi sta ridando un po di speranza.
A volte sono stanco e penso al suicidio anche se so che non ne avrei mai la forza di farlo.
Non e facile vivere cosi' sono stanco molto stanco....

patch87 ha detto...

Ti capisco benissimo e ti voglio bene anche io. E' un disturbo di merda, non c'è che dire, ma anche dalla merda si può uscire. Possiamo uscirne ne sono certo! Anche io penso al suicidio, ma ogni volta mi rendo conto che è davvero una cosa inutile, perchè a noi non ci risolve una mazza, non ci andiamo a guadagnare più vita. Certo non avremmo più problemi, ma nemmeno più gioie, divertimenti, attimi di felicità, se sono vivo, voglio vivere, io non sono il mio disturbo, e nemmeno tu. Affrontiamolo, i mezzi ci sono, e possiamo vincere. Io sto molto meglio rispetto a prima, quindi sono una prova vivente della possibilità di farcela contro questo disturbo. Gradualmente, certo, ma passo dopo passo, ce la si fa!

info ha detto...

Ok ma scusa posso chiederti una cosa?
Io mi sento in colpa per tutto e tu?
Vivo veramente di merda....ho fatto cose che non vorrei avere fatto..vorrei rinascere e comportarmi diveramente....rovino sempre le cose che amo sono un caso disperato....non credo di farcela....in piu' ormai ho 32 anni e non so cosa posso fare....faccio del male alle persone alle quali bene....senti se ti lascio la mia email mi daresti la tua cosi? ci contattiamo e magari ci aiutiamo a vicenda?

patch87 ha detto...

Caro info, non voglio la tua mail, e non voglio darti la mia. Ti spiego perchè: sto cercando di aiutare me stesso, ed è un compito arduo, non sono capace di aiutare anche te, non ce la faccio. Perdonami. Ma sappi che qui mi trovi sempre.
Senti, ma stai andando da uno psicologo? O da uno psichiatra? Dici le stesse cose che mi scrivi qui? Ascolta, non so cosa tu abbia fatto, però posso dirti due cose: Ricorda che il disturbo è causa di continui sensi di colpa, e che nessuno è perfetto e tutti possiamo sbagliare.

patch87 ha detto...

Altra cosa, parla dei tuoi errori, o di ciò che ritieni tali al tuo psichiatra/psicologo.

patch87 ha detto...

Comunque anche io a volte mi sento in colpa per tutto. Prima mi succedeva spesso ma adesso, solo a volte.

info ha detto...

Hai ragioone alla fine e' meglio non aiutarci a vicenda perche' finiremmo per farci male tutti e due...che ti devo dire...a volte sto male perche' magari il bottiglino dello shampo che uso e' di pastica e inquina l'ambiente.....nessuno si fa sti sensi di colpa....eppure....

nunzietta ha detto...

Salve ragazzi,mi chiamo nunzia ho 24 anni e anch'iuo da 7 anni soffro di doc!!!ho iniziato la terapia farmacologica 7 anni fa ma poi l'ho interrotrta ben 4 volte,questa è la 4a ed ho avuto delle bruttissimer riocadute!!!!Solo un anno fa ho deciso di andare da uno psicoterapeuta perchè volevo liberarmi dei farmaci,mi sono sentita sempre inferiore agli altri prendendoli.La terapia è andata bene,infatti abbiamo ridotto anche il fevarin fino ad assumerne 1a compressa al giorno,poi ancora una volta ho fatto di testa mia e l'ho tolto del tutto,ho sopportato fino aun mese fa,ma poi non ce l'ho fatta piu',ero caduta in 1 stato depressivo grave e ho dovuto riprendere i farmaci.Ragazzi sto molto incasinata perchè non vado piu dallo psicoterapeuta che è anke neuropsichiatra perchè i miei genitori non sono d'accordo,lo ritengono in parte responsabile della mia ricaduta!adesso sto assumendo 3 fevarin al giorno la dose massima ma è ancora presto,la cura già l'ho sperimentato è lunga e i sintomi non se ne vanno via tutti!Cmq mi fa piacere sapere di non essere sola!comunque credo,leggendo anche su alcuni siti che con il farmaco e la psicoterapia si riesce a condurre una vita normale,come le cosiddette persone "sane".un bacio

banner etico