mercoledì 6 giugno 2007

Il doc oggi mi sta proprio rompendo le scatole!


Mamma mia! Oggi mi sono prese forti 'ste ossessioni! Eccheddiavolo! Sezionare ogni minimo pensiero alla ricerca di tracce o di conferme riguardo la mia natura! Non essere sicuro di niente! Essere condizionati in ogni propria azione. E' una tiritera che va avanti da molto tempo.
In questi giorni poi stavo ricordando che i primi sintomi del doc ci sono stati molto prima di quello che pensassi. Alcune giornate sono davvero dure. Il fatto è questo: tmepo fa si credeva che il doc consistesse nella presenza di pensieri assurdi, ridondandi, nella persona che ne era affetta. Ma dalle ultime scoperte, in realtà tutti noi abbiamo pensieri assurdi. Solo che nelle persone "normali" a questi pensieri non solo viene data poco attenzione, ma vengono vissuti con piacere; infatti dovete sapere che tutti noi abbiamo dentro delle parti che possono essere sadiche, masochiste etc. etc.
Nei docchers invece a questi pensieri viene data molta attenzione, credendo che siano segni di una qualche perversione, oppure malignità intrinseca e cose simili, e si inizia a vivere nel terrore e nella paura di poter fare o di poter aver fatto delle cose brutte nel futuro, quanto nel passato. Mettiamoci poi dei problemi mnestici* riguardo le azioni compiute (cioè problemi nel ricordare bene le azioni compiute; questi problemi sono comuni ai docchers) e si crea un circolo vizioso con le sembianze del rio delle amazzoni. Capite allora in che situazione ci si caccia, e quanto difficile sia uscirne.

*Da precisare che questi problemi mnestici sono dovuti ad una poca fiducia nella propria memoria e nelle capacità cognitive

3 commenti:

Ba ha detto...

dal poco che ho capito di sta malattia, non sei tu che ti sei cacciato in questa situazione, sono scompensi della rete neuronale... dico bene?

patch87 ha detto...

Per certi versi sì.

info ha detto...

si sono scompensi e la malattia è davvero brutta....ogni doc ha una paura specifica....la mia e' quella di poter far male agli altri...quindi non vi dico come vivo la mia vita...

banner etico