domenica 27 maggio 2007

Il perdono in wikipedia


Perdono

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nota disambigua - Se stai cercando altri significati, vedi Perdono (disambigua).

Il perdono è il gesto con cui una persona offesa o che ha subito un torto rinuncia a qualsiasi tipo di rivalsa nei confonti di colui che l'ha offeso o gli ha arrecato il torto.

Il perdono può essere concesso indipendentemente dal fatto che esso sia stato richiesto, alcuni ritengono che ciascuno possa anche perdonare sé stesso, che sia possibile perdonare gruppi di persone, o, per i credenti, che sia possibile essere perdonati da Dio.

Il perdono può essere visto da un punto di vista religioso, sebbene il credo in una divinità non sia necessario per saper perdonare. Il perdono può essere motivato da amore, considerazioni filosofiche, apprezzamento per il perdono da parte di altri, empatia o dal temperamento personale. Persino il puro pragmatismo può indurre al perdono, dal momento che è noto e documentato che quanti perdonano sono più felici di coloro che conservano rancore.

[modifica] Teorie psicologiche sul perdono

Negli ultimi decenni, il perdono ha ricevuto l'attenzione di quanti studiano la psicologia sociale. Sebbene non vi sia ancora una definizione da un punto di vista psicologico di questo concetto che raggiunga un sufficiente consenso nella letteratura relativa alla ricerca in tale campo, molti ricercatori assumono che il perdono sia correlato ad un cambiamento verso la socialità nelle motivazioni interpersonali nei confronti di un'altra persona che ha commesso un torto o un danno. Nello specifico, tre cambiamenti nelle motivazioni sembrano avvenire quando si perdona qualcuno:

  1. Un aumento nella motivazione ad agire in un modo che beneficia colui che ci ha offeso o la relazione con tale persona.
  2. Un calo nella motivazione di rivalersi nei confronti di colui che ha commesso il torto.
  3. Un calo nella motivazione di evitare la persona che ha commesso il torto.

[modifica] Nelle religioni

Nella mitologia romana, Clementia era la dea del perdono e della misericordia.

[modifica] Cattolicesimo

Il perdono è considerato dalla Chiesa cattolica come un dono spirituale. Il perdono nello spirito non deve essere necessariamente correlato con quello materiale o economico. Si può perdonare spiritualmente il prossimo ed aspettarsi comunque che egli faccia ammenda materialmente o finanziariamente. Dio è, per i cristiani, fonte di perdono infinito e fonte di ogni perdono.

Sempre secondo la Chiesa cattolica il perdono è necessario nella società civile, dal momento che senza di esso, tutti i torti avrebbero bisogno di una rivalsa, la quale potrebbe a sua volta essere interpretata come un torto richiedendo a sua volta un'ulteriore rivalsa, risultando in una spirale senza fine, compromettendo se non distruggendo ogni rapporto personale.

Nessun commento:

banner etico